Favolacce al cinema dall'8 ottobre in Svizzera
Imprese

Mario Parisi il romanziere delle immagini, fotografo professionale di Winterthur

Un grande fotografo da oltre 30 anni, che grazie alla sua sensibilità è riuscito a cogliere le sfumature più intime dei suoi clienti
Mario Parisi il romanziere delle immagini, fotografo professionale di Winterthur

Mario Parisi, è nato a Buccino in provincia di Salerno,  ed è arrivato in Svizzera nel 1981, precisamente a  Winterthur e da quel giorno non è più tornato a vivere  in Italia per amore della moglie conosciuta in Svizzera. Ha avviato la sua attività Art-Foto-Studio Parisi nel 1985 e successivamente ha aperto anche un negozio affianco allo studio. Si occupa di servizi fotografici di vario genere: da matrimoni a cerimonie, da moda a design, di pubblicità e infine servizi fotografici di bouduar e nudi artistici. Nel 1999, infine, si stabilisce nella sede attuale, ben 250 metri quadrati di spazio dedicato con amore ed attenzione al negozio e alle sale di scatto.

Signor Parisi da dove nasce la passione per la fotografia?

«Io credo che la passione per la fotografia sia qualcosa di innato. Ce l’ho avuta dentro da sempre questa attitudine e credo che una buona dose di sensibilità ed empatia aiuti sicuramente nel fare questo mestiere. A 12 anni, grazie ad un collega fotografo che mi prestò la sua macchina Yashica biottica iniziai a fare foto. Mi definisco un po’ come un romanziere, che invece di saper usare bene le parole, riesce a farlo con le immagini che rappresentano lo stato d’animo delle persone che riprendo e a descrivere le loro emozioni più intime. Mi piace parlare con i miei clienti prima di uno shooting per metterli a proprio agio, solo così si può tirare fuori la vera energia».

Foto Studio Parisi Winterthur Familien Photograf

Che cosa significa per Lei lo stile boudoir?

«Per me è la massima espressione della donna, della sua sensualità e del suo corpo, mai in maniera volgare. Una volta, anni fa, la donna aveva più tempo per la propria cura personale, non c’era tutto questo stress di oggigiorno e lei poteva dedicarsi maggiormente a sè stessa e al suo benessere. Nella sua stanza soleva esserci un tavolino e uno specchio dove lei si poteva truccare e sistemare per farsi bella per sè stessa e poi per il proprio uomo. Così, ritraggo donne in intimo e lingerie per poi passare ad un’altra mia grande passione, il nudo artistico. Come un quadro senza cornice, il nudo è l’espressione per eccellenza dell’intimità più profonda e pura della persona».

Che cosa ama fotografare di più?

«Quello che più mi piace è il nudo artistico e il boudoir. Tramite uno sguardo, una posa, un sorriso riesco a cogliere l’emozione della persona, indipendentemente dal genere e credo che per riuscire a fare bene questo mestiere bisogna saper vivere di emozioni intense e saperle cogliere nei soggetti fotografati. Normalmente fotografo in studio, ma anche in esterna, dipende dalla volontà del cliente. Ci sono delle visagiste che si occupano di preparare il trucco e parrucco, mentre l’intimo possiamo fornirlo noi come lo possono portare direttamente i clienti, questo va a scelta. Ho lavorato molto anche per eventi luxury, ad esempio mi è capitato di seguire un tour di Ferrari per la Svizzera che durò un fine settimana».

Usa molto la post-produzione per i suoi lavori?

«Si molta, uso quasi sempre Photoshop. All’inizio, utilizzavo la Reflex classica e a mio avviso era la vera essenza del fotografo, quella dove tutto doveva essere perfetto e pronto per lo scatto. Era la vecchia maniera di lavorare, il taglio e la luce erano basilari quando si fotografava, cosa che non si fa più da quando il mercato è cambiato. Io mi sono adeguato alle esigenze dei clienti e al mercato e oggi la post produzione è molto importante, ma ci tengo a dire che deve aiutare a migliorare la foto, non a trasformarla in qualcosa di diverso. Come luce e inquadratura sono ancora per la vecchia scuola, e per ritoccare uso il digitale».

Foto Studio Parisi Winterthur Hochzeit Photograf

Sogni per il futuro?

«Sogni nel cassetto non mancano mai. Mi piacerebbe in particolar modo fare un viaggio in Africa o a Cuba e fotografare solo ritratti di bambini e delle persone del luogo. Poi conseguire un libro di ritrattistica e dei dettagli di viaggio. Vorrei la gente potesse interpretare l’essenza della fotografia e delle espressioni dei soggetti fotografati, il modo da vivere la spontaneità che non deve mancare mai».

Art-Foto-Studio Parisi di Mario e Angela Parisi
Schützenstr. 81
CH-8400 Winterthur
Tel. 052 203 36 60
Fax: 052 203 37 38
info@fotoparisi.com
www.fotoparisi.com

Continua con la lettura