Home Tuttoitalia Official Website |   Prossimi eventi | | |
Logo Tuttoitalia.ch abbiamo un nuovo portale ->>

Tiziano Ferro Zurigo

  Svizzera

  Italia

  Cinema
  Cultura
  Eventi
  Fotogallery
  Gastronomia
  Imprenditori
  Motori
  Musica
  Scuola e Corsi
  Sostenibilità
  Sport
  Turismo
 

 

 


martedì 29 settembre 2020
 

LA GRANDE BELLEZZA, IL NUOVO FILM DI SORRENTINO

Lui alza gli occhi al soffitto e vede il mare. Lei guarda in su e vede una parete bianca. Ma quando Jep le chiede se anche lei vede quella distesa azzurra, Ramona risponde sì. Perché per Paolo Sorrentino, più che la storia, sembrano contare le suggestioni.

Il pluripremiato regista torna con ''La Grande Bellezza'', un film poetico, fatto di suggestioni e grande umanità in concorso per la Palma d'oro a Cannes. Una vera e propria festa cinematografica in cui racconta una Roma fastosa e degradata allo stesso tempo, tra nobili, ricchi immobiliaristi, contesse, prelati e politici. Il personaggio principale è Jep Gambardella, interpretato da Toni Servillo, uno scrittore sessantacinquenne che, non riuscendo più a scrivere da anni, diventa giornalista. Jep è un Virgilio mondano e scalmanato che, nonostante i 65 anni suonati, accompagna lo spettatore a fare i conti con le svariate facce della capitale.

Sorrentino caratterizza la pellicola di contraddizioni e realismo nella quale l'eterna bellezza di Roma fa da teatro ad un'autentica sfilata di brutture, di caratteri, di personaggi grotteschi come una direttrice nana, che la sera si divide "tra un brodino e una scopata, tanto sono due cose calde", ma poi regala affetto al suo giornalista migliore, chiamandolo Geppino "perchè ognuno di noi talvolta ha bisogno di sentirsi bambino". Uno scrittore teatrale mai realizzato, interpretato da Carlo Verdone, perennemente al guinzaglio di una giovane donna che da anni gli promette l'amore senza mai accontentarlo. Un cardinale che, anzichè ascoltare i turbamenti spirituali dei fedeli, preferisce parlare solo di cucina. Una santa che conosce i nomi di tutti i fenicotteri rosa che si posano sulla meravigliosa terrazza di Jep e che trova il sorriso solo nella bellezza più faticosa da raggiungere, quella della fatica e del sacrificio. E poi una Serena Grandi cocainomane che affoga la solitudine nell'opulenza di abiti fascianti e paillettes.

Al disincanto quotidiano, Sorrentino regala un motivo per rimanere incantati come se a fine film si scoprisse la certezza che il senso della vita è confinante con la morte, quella morte che avvolge la bellezza dei ricordi e del vissuto più semplice. Tutto questo davanti a una Roma immobile e monumentale, silenziosa ed eterna, noncurante degli affanni, delle morti, della decadenza allarmante che vede delinearsi nei suoi abitanti. Nel film c'è anche chi non si accorge neanche della straordinaria bellezza o chi, come il giapponese al Gianicolo, sviene alla sola vista.

Con ''La grande Bellezza'' Sorrentino pone fine a un'era, quella della Dolce Vita felliniana, e l'inizio di un'altra scandita, purtroppo, dal rimbombare di suoni, danze, paillettes e silicone.

Programmazione su: www.pathefilms.ch


 

E-Mail

Password
 

 


Attualità Svizzera | Attualità Italiana | ASSOII | Aziende | Benessere & SaluteEconomia & Finanza
Eventi & Spettacoli | Gastronomia | Motori | Società & Cultura | Sport | Turismo

Ufficio Tuttoitalia Zurigo  

 

Tuttoitalia GmbH
Media & Marketing
Hermetschloostrasse 77, 8048 Zürich
Tel. 044 542 11 00
redazionetuttoitalia.ch - www.tuttoitalia.ch

MwSt. Nr. CHE-112.327.968