Home Tuttoitalia Official Website |   Prossimi eventi | | |
Logo Tuttoitalia.ch abbiamo un nuovo portale ->>

Tiziano Ferro Zurigo

  Svizzera

  Italia

  Cinema
  Cultura
  Eventi
  Fotogallery
  Gastronomia
  Imprenditori
  Motori
  Musica
  Scuola e Corsi
  Sostenibilità
  Sport
  Turismo
 

 

 


martedì 29 settembre 2020
 

INTERVISTA LAURA PAUSINI A ZURIGO

di Bruno Indelicato

In occasione dello Swiss Award sabato 9 gennaio, abbiamo incontrato Laura Pausini per parlare dell'album e della sua lunga pausa annunciata.
Ciao Laura, benvenuta a nome di tuttoitalia.ch.
Grazie, sono contenta di essere di nuovo a Zurigo.


E' uscito a novembre l'ultimo album di Laura Pausini. All'interno i grandi successi più tre inediti tra cui "Con la musica alla radio", "Non solo lei" e "Casomai". Una nuova occasione per poter rivedere e riascoltare gli 80 concerti sold out tenuti in tutto il mondo. Molti i contributi speciali, dai backstage alle esibizioni live ad alcuni video, tutti curati personalmente da Laura.

Parliamo del nuovo prodotto. Si può dire che il CD "Laura Live - World Tour 09" è un riassunto della tua carriera dal 1993 ad oggi?

Assolutamente si. Lo considero un vero e proprio "best of dal vivo". E'il riassunto di quello che ho fatto e di quello che sono e ho voluto che ci fossero i brani più rappresentativi della mia carriera, sia quelli degli inizi, sia le ultime produzioni.

E poi vi sono anche tre inediti…

Si, mi piace il fatto che ci siano tre inediti così diversi tra loro, "Con la musica alla radio" per esempio è una canzone molto positiva che richiama un desiderio di serenità, un aspetto che è più facile trovare nelle cose quotidiane che nel mio. "Non sono lei" è molto importante come brano, è arrangiata in stile anni sessanta perché volevo cambiare un po', volevo che la gente ascoltandola potesse stupirsi ma allo stesso tempo concentrarsi sul testo, che è dedicato a tutte le persone che, grazie a Dio, cambiano e hanno un'evoluzione, mentre "Casomai" è un brano personale, è stato scritto quando mi sono fidanzata con Paolo Carta, il mio chitarrista.

Infatti, "Casomai" è un brano molto intimo. All'inizio quasi nessuno ci credeva. E' una tua risposta a quelle persone che ti sconsigliavano questo rapporto?

E' vero che tutti mi sconsigliavano di stare con un uomo separato con figli. In effetti inizialmente avevo delle reticenze che poi ho spazzato via. Ma non c'è l'ho con nessuno. Vivo questo rapporto d'amore in maniera molto intensa e soprattutto con la consapevolezza di essere libera di prendere delle decisioni che so Paolo condivide. Come, ad esempio, il fatto di ritirarmi dalle scene per un po'.

Ogni traccia è registrata in una città diversa da Helsinki al Sud America passando per l'Italia. Come mai questa scelta?

Ho voluto scegliere le migliori immagini e regalare al pubblico delle varie città dove mi sono esibita un momento sul CD e sul DVD per mantenere vivi quei ricordi.

Tra le sorprese c'è una tua interpretazione di "E poi" di Giorgia che era presente a un tuo concerto e un duetto con tuo Papà Fabrizio….

"E poi" mi è sempre piaciuta tantissimo. Nel mio carattere non soffro di gelosia nei confronti delle colleghe. Quelle che rompono le scatole al mio fidanzato le odio, ma nei confronti delle colleghe mi sento quasi in colpa perché no né da tutti avere la fortuna che ho avuto io. Io non ho niente da invidiare. Ho avuto molto di più di quello che desideravo. Quando sento una canzone bella la canto in macchina e mi affeziono, indipendentemente da chi la canta. Ho deciso di inserirla e mi ricorda la collaborazione e amicizia con Giorgia. Mi sento quasi ogni giorno con lei e la stimo tantissimo.
Il duetto con mio Padre è stato registrato nelle tappe dove ho cantato in francese per ricordare il duetto con Charles Aznavour. Avevo bisogno di una voce maschile. Avevo penato inizialmente a un mio corista. Siccome è stato mio Papà che mi ha fatto conosce Aznavour, una sera per gioco gli ho chiesto se la volesse cantare con me. Lui ha detto subito si, e allora ho deciso di inserirla nel DVD. E poi è anche un mio ricordo personale di famiglia.

Hai dichiarato che non ti fermi per fare un figlio. Ti fermi invece perché vuoi riprenderti un po' di quotidianità. Ti spaventa l'idea di non saper vivere alla giornata?

Un po' mi spaventa. Ma è giunto il momento di riappropriarmi di una vita che non conosco. E' da quando avevo 18 anni che vivo in giro per il mondo, sino ad allora avevo vissuto coi miei genitori e ho sempre delegato altre persone per fare delle commissioni come pagare la bolletta. Non sono capace di gestire una vita normale. La notizia è stata diffusa con clamore e questo mi ha stupito. E' normale che un cantante ogni tanto si fermi un po'. Riceverò sicuramente tante proposte, ma dovrò sapere dire di no. Sono veramente stanca e ho bisogno di fermarmi un po'.

E' arrivato dunque il momento di prenderti un po' di spazio e stare un po' tranquilla, diciamo, e magari di farti un bel giro in bici o in campagna?

Proprio così. Voglio prendere la bici e farmi un bel giro in campagna o andare all'Ikea o al Supermercato. E solo dopo deciderò se continuare a vivere come ho vissuto fino ad'oggi o in un altro modo. Poi vedremo eh, io sono una che deve sempre far qualcosa e rinchiusa in casa comunque non mi ci vedo.

Possiamo ritenerci fortunati noi in Svizzera, perché prima di fermarti sei venuta a trovarci. Sappiamo che la Svizzera ti ha sempre regalato delle belle emozioni, o no?

Certo, è la verità. Mi piace dire le cose come stanno. Io non ho mai avuto problemi in Svizzera. Allo Swiss Award sabato 9 gennaio mi è stato conferito anche un premio per la vendita di 700mila dischi in Svizzera, e questo mi rende molto felice.

Una bella soddisfazione te la ha regalata anche Las Vegas dove hai vinto il tuo quarto Latin Grammy, nella categoria "Best female pop vocal album" per "Primavera anticipada".  Questo conferma che sei molto amata nell'America Latina.

Io amo tantissimo l'America Latina e mi mancherà tantissimo durante la mia pausa. Mi danno un rispetto e un amore grandissimo. I premi che mi hanno dato nel corso degli anni mi hanno permesso di avere una crescita professionale anche in Nord America. I Latini mi fanno sentire sempre a casa. Per me è come una persona che amo e la rispetto molto.

Nelly Furtado ha affermato che vorrebbe duettare con te. Che ne pensi?

Benissimo, sono pronta. Mi piacerebbe duettare con lei e con altre donne, perché ho in mente di registrare dei duetti con delle donne. Chissà se la coinvolgerò in futuro.

Laura, ti ringraziamo e ti auguriamo una pausa tranquilla e piena di nuove ispirazioni.

Grazie. Io spero che questi due anni mi rendano una persona migliore per poter scrivere delle cose ancora più belle. Voglio godermeli tanto pensando anche a voi qui in Svizzera, perché senza di voi io non potrei lavorare.


 

E-Mail

Password
 

 


Attualità Svizzera | Attualità Italiana | ASSOII | Aziende | Benessere & SaluteEconomia & Finanza
Eventi & Spettacoli | Gastronomia | Motori | Società & Cultura | Sport | Turismo

Ufficio Tuttoitalia Zurigo  

 

Tuttoitalia GmbH
Media & Marketing
Hermetschloostrasse 77, 8048 Zürich
Tel. 044 542 11 00
redazionetuttoitalia.ch - www.tuttoitalia.ch

MwSt. Nr. CHE-112.327.968