Home Tuttoitalia Official Website |   Prossimi eventi | | |
Logo Tuttoitalia.ch abbiamo un nuovo portale ->>

Tiziano Ferro Zurigo

  Svizzera

  Italia

  Cinema
  Cultura
  Eventi
  Fotogallery
  Gastronomia
  Imprenditori
  Motori
  Musica
  Scuola e Corsi
  Sostenibilità
  Sport
  Turismo
 

 

 


venerdì 14 agosto 2020
 

UNA RETE CONSOLARE DIGNITOSA? BASTEREBBE RIDURRE GLI SPRECHI

(www.italiachiamaitalia.com) - Il deputato eletto in Brasile a margine della plenaria Cgie si dice "imbarazzato per la razionalizzazione" di una rete consolare "diventata ormai ridicola". E, alla politica dei tagli, oppone una visione di riduzione degli sprechi "soprattutto quelli delle carriere diplomatiche". Particolarmente grave, secondo Porta, la situazione in America Latina

Intervenuto al tavolo dei lavori del Cgie, il deputato Pd Fabio Porta non è riuscito a trattenere il malumore per i ridimensionamenti della rete consolare, definiti "ridicoli" tanto da farlo "sentire in imbarazzo". Intervistato da Barbara Laurenzi per Italia chiama Italia, portale d'informazione diretto da Ricky Filosa,  a margine della plenaria, tenutasi dal 2 al 4 dicembre a Roma, nella sede della Farnesina, il democratico eletto in Brasile ha spiegato perché i consolati non vanno tagliati ma ottimizzati, in particolare in America Latina. Con un occhio di riguardo a quanto costano le carriere diplomatiche.

Onorevole, lei ha parlato di "rete consolare ridicola". Che cosa non la rende all'altezza delle aspettative?
La nostra rete consolare è insufficiente rispetto alle sfide dell'Italia nel mondo, mi riferisco in particolare a quella dell'America Latina.

Come si può investire sulla rete consolare se, nel frattempo, il vento di crisi impone tagli e ridimensionamenti?
Riducendo gli sprechi. Si parla tanto di razionalizzazione ma, finora, non c'è stato nessuno che abbia detto che cosa si taglia e perché.
Si parla tanto anche di sprechi, ma poi nessuno specifica che cosa si potrebbe limitare…
Quando accenno agli sprechi da eliminare - spiega Porta a Italiachiamaitalia.com - mi riferisco a diverse realtà, in particolare alle carriere diplomatiche. Ci sono molti consolati dove non serve impiegare addirittura un diplomatico di carriera.

Se è così semplice limitare i costi, perché si preferisce arrivare a chiudere i consolati?
Perché tagliare la rete consolare è più semplice e risponde a un preciso disegno politico, in base al quale si sta portando avanti una politica di tagli per gli italiani nel mondo, visti ormai come un peso e non più come una risorsa.

Che cosa farebbe il Pd, se fosse l'attuale maggioranza?
Il Pd seguirebbe la razionalizzazione avviata da Massimo D'Alema, che prevedeva chiusure ma all'interno di un'ottica di rilancio, ad esempio ampliando la rete in America Latina e ottimizzando quella in Europa.

E i suoi colleghi di partito eletti nel Vecchio Continente sarebbero d'accordo?
È ovvio che, prima, ci sarebbe un dibattito anche all'interno del partito stesso.

Invece con l'atro partito, il Pdl, dialogate? Ci sono dei punti in comune con gli eletti all'estero dell'altro schieramento?
Noi e i colleghi della maggioranza siamo d'accordo su un punto: il metodo applicato alla tematica degli italiani all'estero è sbagliato.

Con chi, in particolare, lavorate a più stretto contatto?
Con Aldo Di Biagio siamo in sintonia su molte questioni. (www.italiachiamaitalia.com)


 

E-Mail

Password
 

 


Attualità Svizzera | Attualità Italiana | ASSOII | Aziende | Benessere & SaluteEconomia & Finanza
Eventi & Spettacoli | Gastronomia | Motori | Società & Cultura | Sport | Turismo

Ufficio Tuttoitalia Zurigo  

 

Tuttoitalia GmbH
Media & Marketing
Hermetschloostrasse 77, 8048 Zürich
Tel. 044 542 11 00
redazionetuttoitalia.ch - www.tuttoitalia.ch

MwSt. Nr. CHE-112.327.968