Home Tuttoitalia Official Website |     Prossimi eventi italiani | | |
Logo Tuttoitalia small   Biagio Izzo
Nek

  Svizzera

  Italia

  Cinema
  Cultura
  Eventi
  Fotogallery
  Gastronomia
  Imprenditori
  Motori
  Musica
  Scuola e Corsi
  Sostenibilità
  Sport
  Turismo
 

 

 


venerdì 20 settembre 2019
 

ESCE OGGI «IL MANGIATORE DI PIETRE» QUESTA SERA LA PRIMA A ZURIGO

Da oggi al cinema «Il mangiatore di pietre»
Il nuovo film diretto da Nicola Bellucci esce oggi 4 aprile nei cinema della Svizzera tedesca

Zurigo: questa sera, giovedì 4 aprile 2019, ore 19.30
la prima al cinema Kosmos di Zurigo ->> acquista i tuoi biglietti

Basilea:
venerdì 5 aprile 2019, ore 18.15
la prima al cinema kult.kino - >> www.kultkino.ch/film/mangiatoredipietre



Appuntamenti da non perdere e incontri con il pubbblico

Giovedì 4 aprile, ore 19.00 - Pestalozzi Bibliotek Hardau (Norastr. 20 - 8004 Zürich)
Letture con Davide Longo (in italiano)

Giovedì 4 aprile, ore 19.00 - Cinema Kosmos (Lagerstr. 104 - 8004 Zurigo)
Prima con Davide Longo e Nicola Bellucci
Moderazione: Till Brockmann
(Davide Longo ci raggiungerà dopo le sue letture)

Venerdì 5 aprile, ore 18.15 - kult.kino Camera (Rebgasse 1 - 4058 Basilea)
Prima con Nicola Bellucci. Introduzione del Console Italiano di Basilea, Pietro Maria Paolucci
Moderazione: Till Brockmann



Trailer

 

 

Sinossi

Cesare, dopo la morte prematura dell'amata moglie Adele, vive da solo. Passa il tempo intagliando il legno, in compagnia della cagna Micol. Da dietro i vetri della sua baita le montagne incombono sull'alta Val Formazza. Su quelle creste scoscese, che lui conosce palmo a palmo, passa il confine fra l'Italia e la Svizzera. Cesare è stato un leggendario spallone, ha contrabbandato sigarette, denaro, oro e preziosi, ha accompagnato oltre confine ricercati, clandestini e profughi di tutte le guerre. Da quando, però, a passare il confine è soprattutto la droga, si è tirato indietro. Lui, da sempre anarchico e ribelle, non vuole avere a che fare con la malavita organizzata. Lo ha rimpiazzato Fausto, suo nipote, un giovane coraggioso e sfrontato che ha fama di sciupa femmine. Cesare ha cercato di dissuaderlo senza riuscirci, poi l'ha lasciato perdere. I due, un tempo inseparabili, non si parlano più. I rintocchi del campanile di Riale, il paese a valle della baita isolata, segnano il tempo immobile della montagna. Cesare ha cinquant'anni e conserva il fisico possente dell'alpinista. Non è raro incontrarlo quando cammina di buon passo nei boschi come un lupo solitario, silenzioso e disilluso. La vera vita, le avventure, l'amore sono stati e non ritorneranno, lui lo sa, se non come ricordi, immagini sfocate che accendono la nostalgia e riempiono di amarezza il vuoto di un tempo naturale, sigillato nella pietra della montagna, nella luce chiara delle vette, nell'ombra che al tramonto inghiotte la valle. A Riale, quando passa per strada, i benpensanti trovano sempre qualcosa da bisbigliargli alle spalle. Lo chiamano il Francese, sia per le sigarette Gitanes che fuma in continuazione, sia per il suo passato. Da ragazzo, emigrato in Francia, ha vissuto a Marsiglia, ha fatto il marinaio battendo, sui mercantili, le rotte del Medio Oriente: Istanbul, Beirut, il Pireo. Per una rissa finita male si è fatto cinque anni di galera francese.

Quando è uscito è tornato alle sue montagne. E' allora che, disdegnando il paese, si è costruito con le sue mani la baita solitaria dove ancora vive. E' allora che ha saputo conquistare la donna più bella di Riale, la sua Adele, strappandola ad una ricca famiglia di timorati borghesi. E' allora che ha cominciato a battere i passi e le vette, a sfidare la legge e le chiacchiere dei paesani, a guadagnare in una notte quello che un cristiano qualunque guadagna in sei mesi. Sergio ha solo diciassette anni, vive con il padre/padrone, Nelino, in una malga sperduta sull'alpeggio.Pascola le mucche, le munge e fa il formaggio. La sua vita è quella del servo, uniche distrazioni le birre scolate coi suoi amici, tre di numero. Sua madre è fuggita da quella vita grama e dalle botte del marito. Sua zia, Elvira, fa la fornaia, è bella come il sole, Sergio è innamorato di lei, se la sogna, di notte, tutta nuda e bianca di farina. Ad occhi aperti, invece, mentre obbedisce ai secchi ordini del padre, sogna di scappare da lassù, magari per andare a cercare sua madre. Un giorno, sui pascoli della Balma Rossa, sulle tracce di una mucca smarrita, con grande sorpresa incontra Fausto che l'aiuta a ritrovarla. Pochi giorni dopo, sotto la prima neve dell'anno, Cesare trova il cadavere di Fausto che galleggia in un piccolo lago vicino casa. Le prime indagini dell'appuntato Boerio rivelano che il giovane è stato ucciso con due colpi e poi gettato nel laghetto.



Premi e festival

Solothurn Film Festival 2019: Panorama
Torino Film Festival 2018: Film Commission Torino Piemonte
Zurich Film Festival 2018: Special Screenings

Maggiori informazioni

Qui trovi maggiori informazioni


 

E-Mail

Password
 


Biagio Izzo

 


Attualità Svizzera | Attualità Italiana | ASSOII | Aziende | Benessere & SaluteEconomia & Finanza
Eventi & Spettacoli | Gastronomia | Motori | Società & Cultura | Sport | Turismo

Ufficio Tuttoitalia Zurigo  

 

Tuttoitalia GmbH
Media & Marketing
Hermetschloostrasse 77, 8048 Zürich
Tel. 044 542 11 00
redazionetuttoitalia.ch - www.tuttoitalia.ch

MwSt. Nr. CHE-112.327.968